COMPUTER VISION PER L’INDUSTRIA: INTERVISTA A CLAUDIO E STEFANO BERTI

Valentina Di Taranto/ Dicembre 11, 2018/ Computer Vision/ 1 comments

VANTAGGI E APPLICAZIONI DELLA COMPUTER VISION NEL CONTESTO INDUSTRIALE

Claudio e Stefano Berti, fondatori di Getcoo, rispondono ad alcune domande sulla Computer Vision e sulle sue potenzialità.

I due hanno creato Piqapart, un software capace di riconoscere automaticamente qualsiasi oggetto e utilizzabile con facilità nei processi industriali. 


Com’è nata l’idea di applicare la Computer Vision ai contesti industriali?

Dopo aver sperimentato la tecnologia di Computer Vision nell’ambito dei monumenti e dei beni culturali con l’app GETCOO Travel, abbiamo capito che la tecnologia proprietaria DART era ormai matura e sufficientemente prestante per affrontare nuove sfide. Il nostro metodo di lavoro è stato progettato per essere flessibile e scalabile, dunque facilmente applicabile in molti contesti nel mondo del riconoscimento. Tra i primi ambiti presi in considerazione ci sono stati l’industria manifatturiera e quella di componenti metallici. In particolare quest’ultima è stata per noi il trampolino di lancio nel settore industriale.

Quali sono i problemi pratici che vi siete trovati ad affrontare nelle aziende con cui avete lavorato? Come li avete risolti?

All’inizio delle sperimentazioni uno dei problemi che abbiamo dovuto risolvere è stato l’identificazione di piccole parti, ad esempio viti: articoli apparentemente identici ad occhio nudo differivano in realtà per piccoli particolari. Affinando le prestazioni di DART e facendo un’analisi preventiva per implementare il software abbiamo superato questa prova.

Qual è stato il maggior successo di Piqapart finora?

Nel giugno del 2017 abbiamo presentato Piqapart (denominato all’epoca Partfinder) allo SMAU di Bologna, dove ci è stato conferito il Premio Lamarck, un riconoscimento assegnato ai progetti più innovativi e promettenti sul territorio nazionale. Inoltre in quell’occasione alcune aziende si sono dimostrate particolarmente interessate alla nostra soluzione e questo ci ha confermato ulteriormente il potenziale di Piqapart.

Su quali aspetti avete lavorato per rendere più semplice possibile l’implementazione del software in azienda?

Le nostre soluzioni sono tutte Software as a Service (SaaS). Questo comporta una estrema libertà per la scelta del sistema di acquisizione di immagini. A seconda delle esigenze del cliente utilizziamo smartphone (per applicazioni mobile), box a luce controllata (in ambito industriale) o altri setup integrabili a soluzioni già esistenti. Dunque è un sistema studiato per essere flessibile, consentendo di integrare il software in qualsiasi azienda, anche in sistemi di visione già presenti.


Vuoi scoprire di più su Piqapart e sulla sua tecnologia di riconoscimento degli oggetti? Visita il sito dedicato piqapart.com!

Share this Post

1 Comment

  1. Pingback: Computer Vision al Phygital Hub | GETCOO |Press

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*